Menu rapido
Disabilità e Cooperativa sociale Pagine principale Privacy e cookie Mappa del sito Scrivici Stampa la pagina
Home Privacy e cookie Mappa E-mail Stampa

Formazione

    Allegati
02/05/2017

Incontro formativo 4 maggio

Fermignano, Salone Comunale


 
15/02/2017

Nuovo incontro formativo

 
25/01/2017

Progetto Formativo 2017

 
 
25/09/2012

ancona, 5 maggio 2012



 


 
 
20/09/2012

modena, 29 settembre 2012

 





 
 
21/06/2011

DSA PSICOLOGI

DSA: dalla diagnosi agli interventi
 
 
Premessa
 
I Disturbi Specifici dell'Apprendimento (DSA) interessano il 4-5 % della popolazione scolastica. Quindi sono circa
350 mila gli alunni interessati da deficit per cause diverse, che provocano disturbi nelle abilità di lettura e scrittura.
 
Diversi alunni, pur con un intelligenza nella norma, dopo un primo inizio intraprendono strade diverse, cumulano
 deficit e presentano difficoltà specifiche nel processo di apprendimentodella letto-scrittura.
 
 
Che cos’è chiamato a fare lo psicologo?
 
Ai sensi della recente normativa (Legge 8 ottobre 2010 n. 170), lo psicologo del Servizio sanitario nazionale
“…effettua la diagnosi dei DSA nell'ambito dei trattamenti specialistici…”, ma anche “…possono prevedere, nei limiti
delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente, che la medesima diagnosi sia
effettuata da specialisti o strutture accreditate”. Ma oltre a questo specifico (diagnosi iniziale per

l’individuazione di soggetti a rischio),ciò che risulta importante è di seguito l’implementazione d’interventi idonei, ivi
compresi gli strumenti compensativi (personal computer, software specifico, brain-stimulus, ecc.).
 
L’attività formativa
Obiettivi
 
1) - Saper selezionare ed utilizzare, secondo i diversi contesti e realtà del singolo alunno, gli strumenti di valutazione
dei deficit di letto- scrittura.

 
2) - In un’azione condivisa con gli altri operatori della scuola, “concorre a definire ed indicare le aree specifiche

 

 d’intervento analogica e digitale, tale da poter interfacciare con i sintetizzatori vocali ”, quindi nei casi specifici

 

“configurare i punti salienti di didattica personalizzata,

3) - Partecipare allo studio e scelta delle modalità idonee all’applicazione di quegli strumenti compensativi che, per
ogni singolo alunno, possono favorire il percorso d’apprendimento.
 
Partecipanti
 
Per necessità organizzative e per assicurare l’interazione fra le figure specialistiche, il corso è rivolto a
professionisti dell’apprendimento (psicologi, logopedisti pedagogisti).
 
 
Programma e moduli formativi
1.- Apprendimento
 
      Ø            L’apprendimento della lettura e scrittura: pre-requisiti, componenti cognitive.
      Ø            I diversi metodi d’insegnamento: punti di forza e di debolezza.
      Ø            Architettura funzionale del sistema cognitivo: dalle teorie modulari alle Funzioni Esecutive
2. – Difficoltà e disabilità
 
      Ø            Le difficoltà specifiche di apprendimento, modelli e classificazioni della dislessia: Frith, Sartori-Job e Coltheart – Umiltà, ecc.
      Ø            Tipi di dislessia: fonologica-superficiale, disfonetica-diseidetica, tipo PLM, ecc.
      Ø            I principali modelli esplicativi; psicolinguistico, del doppio accesso, modello clinico, balance model.
3.- I dati della ricerca
 
      Ø            Le moderne metodologie di ricerca: imaging.
      Ø            Eziologia dei disturbi: approccio genetico, neuro-anatomico, neuropsicologico.
      Ø            Evidenze sperimentali su: deficit delle strutture magnocellulari, ipotesi di Ramus, sistemi cerebellari-attentivi, ecc.
4.- Metodologie e strumenti di valutazione
 
      Ø            Caratteristiche e limiti degli approcci diagnostici- valutativi.
      Ø            Strumenti per la valutazione: prove MT, Batteria Tressoldi-Cornoldi; Prove PCR2, Prove TS.
      Ø            Attività di screening e identificazione dei “soggetti rischio”.
 
5.- Orientamenti riabilitativi e strumenti compensativi
 
      Ø            Metodologia d’intervento riabilitativo: trattamento fonologico; percettivo-motorio; davis-piccoli; linguistico generico; balance model; lessicale.
      Ø            Stimolazione della SAS e training attentivi.
      Ø            Strategie e strumenti compensativi.
****
Organizzazione e docenza
 
Docenza - L’attività di formazione, diretta dal Dott. Carlo Pascoletti, è condotta da docenti universitari e
 dall’équipe degli specialisti che operano presso il Centro di Urbino.
 
Sede e durata
Il corso avrà luogo nei giorni 28, 29 e 30 agosto 2011, a Urbino presso la sede del Centro Studi e Ricerche, con
 orario 9-13, 15-19.
 
****************************************************************
 
Informazioni e iscrizione
 
La quota di partecipazione per il corso di formazione è di euro 250 (iva
 inclusa).
L’attivazione del corso è prevista con un minimo di 12 iscritti, il numero
massimo di partecipanti è 25.
 
E’ possibile fare richiesta per l’iscrizione e le modalità di partecipazione al
corso:
Ø    inviando un e-mail ([email protected])
 
Ø    telefonando (0722.329701)
 
Ø    inviando un fax (0722.377280)

 
Referente: dott.ssa Bruna Lani.

 
Altre notizie utili sulle attività ed iniziative del Centro di Urbino, si trovano
 su internet: http//www.centrofrancesca.it.
 
Ai richiedenti verranno fornite tutte le notizie riguardanti l’articolazione
del corso, l’organizzazione giornaliera, le modalità d’iscrizione, la
disponibilità e sistemazione alberghiera, ecc.
 
 
15/06/2011

Counseling coppia

Il Centro Studi e Ricerca sui Bisogni Speciali di Urbino,

 

che opera nel campo delle disabilità psichica e dell’handicap,

 

organizza un corso di formazione sul tema:

 

PARENT TRAINING:

il counselor per genitori di bambini speciali




 
 

Fare il genitore di un soggetto disabile, è un compito particolare, talora al di sopra delle possibilità della coppia genitoriale, infatti sono in aumento le richieste di counseling per queste problematiche.

I protocolli d’intervento e di aiuto alla coppia, sono finalizzati a favorire, sostenere e sviluppare le potenzialità possedute, ma non praticate dai genitori. In questo settore l’azione di accompagnamento (counseling e/o parent-training), si declina in percorsi guidati dallo psicologo, volti a far apprendere alla coppia modalità e strumenti per affrontare e gestire problemi concreti sul piano educativo.

La presente proposta intende trasferire competenze specifiche, che si riferiscono all’attività di parent-training, realizzata negli ultimi 10 anni presso il Centro Studi e Ricerca sui Bisogni Speciali di Urbino, nei confronti di 200 famiglie di bambini disabili.
 

Obiettivi e contenuti
Evidenziare la tipologia delle problematiche della coppia genitoriale; tracciare modelli e protocolli operativi; trasferire un know-how tecnico che, in armonia con la propria preparazione scientifica di base, permetta allo psicologo di intervenire con efficacia.


Primo modulo

Counseling e Planned Activities Training (PAT): genitori come agenti di cambiamento; genitori come esperti del comportamento.

Secondo modulo

Protocollo della comunicazione efficace: i parametri d’analisi, gli effetti, la relazione, le varianti.

Terzo modulo

I rapporti di coppia, dall’ identità e unicità della persona alla gestione del conflitto e delle relazioni educativo-affettive.

Quarto modulo

La costruzione del progetto educativo: struttura, implementazione, stili, metodologia, ruoli e distribuzione di compiti.


 
 

Strutturazione

L’attività è suddivisa in lezioni frontali e lavori di gruppo con simulazioni, role playing, case work e discussione guidata, per un totale di 20 ore.

Il corso si svolgerà nei giorni 26, 27 e 28 agosto 2011 a Urbino, presso il Centro Studi e Ricerca di Urbino.

Docenza - L’attività di formazione, diretta dal prof. Lucio Cottini, è condotta da docenti universitari e dall’ équipe degli specialisti che operano presso il Centro di Urbino.

Destinatari

Il corso è rivolto a psicologi e operatori, pubblici e privati, che operano nel campo della consulenza alla famiglia e alla coppia.

Informazioni e iscrizione

La quota di partecipazione per il corso di formazione è di euro 250 (iva inclusa)

L’attivazione del corso è prevista con un minimo di 12 iscritti, il numero massimo di partecipanti è 25.

E’ possibile fare richiesta per l’iscrizione e le modalità di partecipazione al corso:

Ø     inviando un e-mail ([email protected])

Ø     telefonando (0722.329701)

Ø     inviando un fax (0722.377280)

Referente: dott.ssa Bruna Lani.

Altre notizie utili sulle attività ed iniziative del Centro di Urbino, si trovano su internet: http//www.centrofrancesca.it.

Ai richiedenti verranno inviate, in dettaglio, tutte le notizie riguardanti l’articolazione del corsi, l’organizzazione giornaliera, le modalità d’iscrizione, la disponibilità e sistemazione alberghiera, ecc.


 
03/06/2011

CORSO PER GENITORI

Genitori competenti

 

VACANZE DI FORMAZIONE A URBINO

 

La "Scuola di Formazione Genitori" di Urbino, che opera nel campo della disabilità psichica e dell'handicap, con l'iniziativa "Scuola per Genitori" finalizzata alla formazione e valorizzazione delle competenze educative, da molti anni è divenuta punto di riferimento anche per genitori di "persone speciali" (bambini, adolescenti, adulti).

 

L'OBIETTIVO

Rispetto alla complessità dei "problemi" della famiglia di una "persona speciale", l'obiettivo della Scuola è favorire il potenziamento delle abilità educative dei genitori, attraverso l'assunzione di specifiche conoscenze, abilità e competenze (Parent Training), finalizzate all'attuazione consapevole delle stesse in una prospettiva longitudinale: dalla nascita alla vita adulta.

 

UNA TREGUA

Per le necessità di una "persona speciale" (bambino, adolescente o adulto) che presenta disabilità, sono necessari "genitori speciali". Più che uno slogan, è una realtà verificabile facilmente perchè presente nella vita quotidiana della coppia genitoriale che, con amore, dedizione, ma anche con dubbi e preoccupazioni, si fa carico di un fardello talora insopportabile.
Scegliere un "momento di tregua" (sospiro!!!) per sottrarsi dalle preoccupazioni quotidiane e dedicarsi con serenità alla riflessione sul proprio modo di essere, sulle relazioni educative, sui risultati raggiunti, sulle prospettive future, può costituire anche l'occasione per ricarsi e scoprire i punti di forza e/o le potenzialità educative ancora inespresse.

 

ORGANIZZAZIONE GENERALE

Nella settimana di permanenza a Urbino, i genitori partecipano alle attività formative comuni e di consulenza alla coppia, mentre i figli sono impegnati con gli educatori in attività di tempo libero (giochi, gite, piscina, ecc.). Oltre a tali attività, su richiesta dei genitori, l'equipe multidisciplinare del Centro procede ad una valutazione del profilo psico-evoolutivo ed educativo del figlio disabile. Tale profilo, nel rispetto del percorso educativo-riabilitativo in atto è finalizzato alla delineazione di "orientamenti specifici" connessi a particolari necessità e/o al piano Educativo Individualizzato (PEI). L'articolazione giornaliera delle attività, consente ai genitori di ritagliarsi del tempo libero (riposo, visita della città, escursioni, ecc.) o di partecipare alle iniziative organizzate dal Centro.

 

FILOSOFIA E PERCORSI

La cornice entro la quale si muove la formazione, fa riferimento ad una filosofia che trova una sintesi nei termini di: Sapere, Saper Fare, Saper Essere. Il percorso è articolato in MODULI distinti, ideati per corrispondere alle diverse necessità connesse all'età e relativi bisogni del "bambino speciale" e della famiglia. Ogni modulo prevede attività di lezioni ed eserfcitazioni (in gruppo) sui temi specifici, oltre alla consulenza ad ogni singola coppia.

 

All'atto della richiesta di partecipazione all'attività di formazione-vacanza, in ragione delle proprie esigenze, i genitori indicano il modulo formativo che intendono seguire.

 

Per conoscere i contenuti e organizzazione dei Moduli scegli:

 

 

allegato 1

PRIMO MODULO - Educazione e sviluppo cognitivo

in età evolutiva


allegato 2

SECONDO MODULO - Adolescenza, sviluppo emotivo-affettivo

e sessualità



 

allegato 3

TERZO MODULO - Il percorso di vita adulta: ideare il futuro



 

Informazioni e iscrizione

E' possibile fare richiesta delle modalità di partecipazione ai corsi di Parent Training:

  • inviando una e-mail ([email protected])

  • telefonando (0722329701)

  • inviando un fax (0722377280)

Referente: Dott. Bruna Lani

Altre notizie utili sulle attività ed iniziative del Centro di Urbino, si trovano su internet:
www.centrofrancesca.it

Alla famiglia richiedente verranno inviate, in dettaglio, tutte le notizie riguardanti l'articolazione dei corsi, il calendario, il costo d'iscrizione, la disponibilità e sistemazione alberghiera, ecc.


 


“Scuola di Formazione per Genitori”

SCHEDA ISCRIZIONE
VACANZE DI FORMAZIONE A URBINO-2011
Corsi estivi: I° turno (4-8 luglio); II° turno (5-9 settembre)
Dati iscrizione
Corsi

Parent
Training
 
2011
Corso residenziale di formazione per genitori di “persone speciali”
Cognome e nome:____________________________
Cod.Fisc._________________________________
Indirizzo:_________________________________
CAP____________Città______________________
Prov____________Tel.______________________
e-mail___________________________________
 
Chiedo l’iscrizione al Corso del:
___primo turno (soggetti prima e seconda infanzia)
___secondo turno (soggetti in età adolescenziale)
___terzo turno (soggetti di età adulta)
 
Obiettivi formativi
Fornire alla coppia genitoriale un bagaglio tecnico-culturale che permetta di affrontare le diverse situazioni problematiche ed educative familiari.
Attività formativa per genitori
Mattino: Sono previste lezioni frontali sulle tematiche degli obiettivi e lavori di gruppo, guidati dai formatori del corso.
Pomeriggio: attività libera (gite, visite culturali, ecc,)
Consulenza alla coppia
Per esigenze personali, ad ogni coppia genitoriale viene fornita una consulenza da parte degli psicologi formatori.
Attività ricreative per i figli
Gli educatori del Centro, predispongono ed attuano attività ludico-ricreative (giochi, piscina, gite, ecc.) per “le persone speciali” e per i fratelli.
Assessment cognitivo-comportamentale
L’équipe multidisciplinare degli specialisti del Centro, su autorizzazione dei genitori, procede ad una valutazione del profilo di sviluppo psico-cognitivo del familiare (diversamente abile) e le relative linee d’ indirizzo generale per interventi educativo-riabilitativi.
 
Quote iscrizione al Corso: 600,00
Modalità di pagamento: versamento sul c/c postale n.14411615 intestato a Montefeltro Cooperativa Sociale. La quota d’iscrizione dà diritto alla partecipazione alle attività formative, di consulenza alla coppia e alla diagnosi del profilo psico-evolutivo.
La segreteria fornisce tutte le indicazioni per la sistemazione alberghiera, i cui costi (vitto e alloggio) sono a carico delle famiglie partecipanti.
Il numero minimo per l’attivazione del corso è di 12 famiglie.
Scadenza iscrizioni I° turno 20 giugno 2011 - II° turno 16 agosto 2011
Per ulteriori richieste (programmi dettagliati dei corsi, sistemazione alberghiera, ecc.)
telefono: 0722.329701
fax: 0722.377280
Direttore dei Corsi: prof. Lucio Cottini
Segreteria: ___________________
Referente: dott.ssa Bruna Lani.
 
Altre notizie utili sulle attività ed iniziative del Centro di Urbino, si trovano su internet: http//www.centrofrancesca.it.

 
 

 


 

PRIMO MODULO (201 KB)
SECONDO MODULO (228 KB)
TERZO MODULO (207 KB)
 
26/05/2011

DSA Formazione (Corso per insegnanti ed operatori)

Formazione e vacanza per insegnanti e operatori

Premessa

I Disturbi Specifici dell'Apprendimento (DSA) interessano il 4-5 % della popolazione scolastica. Quindi sono circa 350 mila gli alunni interessati da deficit per cause diverse, che provocano disturbi nelle abilità di lettura e scrittura.

Per apprendere a leggere e scrivere la gran parte degli alunni a sviluppo tipico impiegano, pur non senza fatica, diversi mesi, ma un primo buon livello di padronanza viene raggiunto verso la conclusione della scuola primaria.

Diversi alunni tuttavia, pur con unintelligenza nella norma, intraprendono strade diverse, cumulano deficit e presentano difficoltà specifiche nella lettura e scrittura.

Che fare? E’ indispensabile un’azione precoce volta all’individuazione di soggetti a rischio; quindi l’implementazione d’interventi idonei, messi a disposizione secondo le più aggiornate tecnologie didattiche, ivi compresi strumenti compensativi (personal computer, software specifico, brain-stimulus, ecc.). Sono interventi che attengono allo specifico professionale degli insegnanti, pedagogisti e psicologi.

L’attività formativa

Obiettivi

Saper selezionare ed utilizzare, secondo i diversi contesti e realtà (classe, singolo alunno), gli strumenti di valutazione dei prerequisiti della letto-scrittura. Essere in grado di programmare ed attuare itinerari d’apprendimento specifici e connessi alle difficoltà, utilizzando anche gli strumenti delle tecnologie informatiche. Ideare e attuare l’applicazione di strumenti compensativi per favorire il percorso d’apprendimento.

Partecipanti

Per necessità organizzative e per assicurare l’interazione formativa, il corso è a numero chiuso ed è rivolto a professionisti dell’apprendimento (insegnanti, logopedisti pedagogisti e psicologi).

 

Programma e moduli formativi

1.- Apprendimento

      Ø            L’apprendimento della lettura e scrittura: pre-requisiti, componenti cognitive.

      Ø            I diversi metodi d’insegnamento: punti forti e debolezza

      Ø            Architettura funzionale del sistema cognitivo: dalle teorie modulari alle Funzioni Esecutive

2. – Difficoltà e disabilità

      Ø            Le difficoltà specifiche di apprendimento: modelli e classificazioni della dislessia: Frith, Sartori-Job e Coltheart – Umiltà, ecc.

      Ø            Tipi di dislessia: fonologica-superficiale, disfonetica-diseidetica, tipo PLM, ecc.

      Ø            I principali modelli esplicativi; psicolinguistico, del doppio accesso, modello clinico, balance model

3.- I dati della ricerca

      Ø            Le moderne metodologie di ricerca: imaging

      Ø            Eziologia dei disturbi: approccio genetico, neuro-anatomico, neuropsicologico

      Ø            Evidenze sperimentali su: deficit delle strutture magnocellulari, ipotesi di Ramus, sistemi cerebellari-attentivi, ecc.

4.- Metodologie e strumenti di valutazione

      Ø            Caratteristiche e limiti degli approcci diagnostici- valutativi

      Ø            Strumenti per la valutazione: prove MT, Batteria Tressoldi-Cornoldi; Prove PCR2, Prove TS

      Ø            Attività di screening e identificazione dei “soggetti rischio”

5.- Orientamenti riabilitativi e strumenti compensativi

      Ø            Metodologia d’intervento riabilitativo: trattamento fonologico; percettivo-motorio; davis-piccoli; linguistico generico; balance model; lessicale

      Ø            Stimolazione della SAS e training attentivi

      Ø            Strategie e strumenti compensativi

****


Organizzazione e docenza

Dopo l’inquadramento teorico, segue l’impegno di laboratorio, per un totale di 24 ore di attività. Docenza e gruppi di lavoro sono affidati a docenti universitari ed esperti del settore.

 

 

 

Sede e durata

Il corso avrà luogo nei giorni 1, 2, 3 settembre 2011, a Urbino presso la sede del Servizio “La Scuola per Tutti” con orario 9-13, 15-19.

Informazioni e iscrizione

La quota di partecipazione per il corso di formazione è di euro 180 (iva inclusa), comprensiva del materiale didattico.

E’ possibile fare richiesta per l’iscrizione e le modalità di partecipazione al corso:

Ø     inviando un e-mail ([email protected])

Ø     telefonando (0722.329701)

Ø     inviando un fax (0722.377280)

Referente: dott.ssa Bruna Lani.

Altre notizie utili sulle attività ed iniziative del Centro di Urbino, si trovano su internet: http//www.centrofrancesca.it.

Ai richiedenti verranno inviate, in dettaglio, tutte le notizie riguardanti l’articolazione del corso, l’organizzazione giornaliera, le modalità d’iscrizione, la disponibilità e sistemazione alberghiera, ecc.


 

 
     
  Torna in home page